Loading...

I diamanti dalla “D” alla “Z”

Home / News / I diamanti dalla “D” alla “Z”

I diamanti dalla “D” alla “Z”

Nell’articolo “L’arcobaleno dei diamanti” abbiamo visto come questa preziosissima gemma possa assumere stupende colorazioni grazie alla presenza di inclusioni, difetti reticolari o ad atomi di elementi che si fondono nel reticolo cristallino.

Il diamante è però più comunemente noto ed apprezzato come gemma incolore, proprio perché la maggior parte dei diamanti presenti all’interno delle gioiellerie sono effettivamente così: nel corso del tempo siamo stati “educati” ad ammirarli proprio per questa caratteristica.
In realtà i diamanti incolori sono solamente una piccola parte dei diamanti estratti, poiché la maggior parte mostra invece una tinta gialla più o meno intensa, causata dalla presenza di atomi di azoto all’interno del reticolo cristallino.

Il colore è uno dei parametri nei quali il diamante viene classificato secondo le sue 4C, ossia Cut (taglio), Carat (peso), Clarity (purezza) e, appunto, Color (colore). La scala del colore viene commercialmente definita D-Z, dove i diamanti classificati come D sono completamente incolori mentre via via, scendendo verso la Z, la colorazione andrà sempre più saturandosi verso i toni del giallo.
Dalla Z in giù si cambia scala e si entra nella classificazione dei diamanti fancy color, ossia quelli che hanno una saturazione di colore così intensa da non poter essere classificati con la scala sopra descritta in quanto sarebbero troppo penalizzati a livello di prezzo.

Il colore è molto importante quando si decide di acquistare un diamante in quanto inevitabilmente inciderà – insieme agli altri tre parametri – sul valore finale della pietra. Commercialmente i colori più diffusi sono G e H, questo perché sono quelli aventi il rapporto qualità-prezzo migliore: nonostante vi sia una tinta gialla evidente agli occhi di un esperto, una volta montati tali diamanti appaiono incolori tanto quanto altri diamanti con colorazioni più alte sulla scala D-Z (che costerebbero quindi in rapporto molto di più).

Per questo motivo quando si decide di acquistare un diamante è fondamentale affidarsi alle mani esperte di una persona competente, la quale potrà aiutarvi a scegliere il miglior diamante per le vostre esigenze, riuscendo a rispettare anche le vostre tasche.
Provate a fare questo gioco: nell’immagine sotto riportata vi sono messi in comparazione diamanti che vanno dalla D alla H… riuscite a percepire la differenza di colore?

A partire da sinistra, diamante D, E, F, G, H.
A faccia in su è pressoché impossibile percepire la sfumatura di colore che si osserva a faccia in giù su pietre smontate.
Crediti foto: beyond4cs.com

Articolo a cura di Giulia Lombardo