Loading...

Arcobaleno diamanti

Home / News / Arcobaleno diamanti

L’arcobaleno dei diamanti

Vi siete mai chiesti quali sono le colorazioni che possono assumere i bellissimi cristalli di diamanti?

Siamo stati abituati a idealizzare il re delle gemme come ‘puro’ e perfetto solo quando completamente incolore, ma la natura si è sbizzarrita producendo tinte con saturazioni davvero diverse tra loro: quando così i diamanti sono definiti commercialmente Fancy Colour Diamonds o Diamanti Fancy.

Il colore più comune nel quale si rinvengono i diamanti naturali è il giallo (e non il bianco come si potrebbe pensare), il quale può variare da chiaro a molto intenso, talvolta definito Canary: tra i più famosi vi è il Tiffany Yellow Diamond di oltre 128 carati, indossato per la prima volta da Audrey Hepburn nel 1961 per la promozione di Colazione da Tiffany e successivamente dalla cantante Lady Gaga agli Oscars di quest’anno.

Crediti foto: www.lifestyleasia.com

Oltre al giallo vi sono anche altre colorazioni molto particolari come il bruno, bruno aranciato e arancione — commercialmente definiti Champagne — ed il rosa in tutte le sue saturazioni, fino a raggiungere il rarissimo rosso e viola.

Tutte queste nuances provengono in larga parte dalle miniere australiane di Argyle, diventata famosa nel corso del tempo proprio per le insolite tonalità dei diamanti estratti.

Pink Legacy è il nome di questo diamante rosa di 18.95 carati, battuto all’asta di Ginevra da Christie’s nel novembre 2018 per oltre 50 milioni di franchi svizzeri al carato.
Fonte: www.christies.com
Crediti foto: instoremag.com

Ma la fantasia della natura non si è fermata qui: altri colori sono il blu, il grigio, il verde ed il più commerciale nero, dovuto alla presenza di fitte inclusioni di grafite nella struttura cristallina.

Negli ultimi tempi moltissimi brand hanno deciso di incastonare oltre a diamanti incolori anche diamanti fancy, dando vita così a gioielli dal sapore unico e assolutamente fuori dal comune, sicuramente non alla portata di tutte le tasche!

Articolo a cura di Giulia Lombardo